forte pendenza.

pendenza del 68%.
coltivazione su terrazzamenti.
lavorato a mano.

maso Heinrichshof

Le viti dell’azienda Heinrichshof crescono su un ripido versante con una pendenza del 50-68% verso sud-ovest. A causa della leggera esposizione verso ovest, i raggi di sole raggiungono il versante solo nel tardo mattino, garantendo così un clima variegato, fresco e caldo durante la giornata. Inoltre, grazie alla forte pendenza è esposto a una maggiore radiazione solare e allo stesso tempo fa sì che i versanti si asciughino più rapidamente nei giorni di pioggia. Questo è particolarmente vantaggioso nella fase di maturazione dell’uva (meno malattie e meno marciume sugli acini). Le viti sono coltivate su piccoli terrazzamenti con il tradizionale metodo a pergola, seguendo il metodo Guyot e sono lavorate quasi esclusivamente a mano. Nello strato superiore il terreno è costituito da una roccia alterata con un alto contenuto di argilla che si riscalda facilmente. Negli strati più profondi si trova una roccia di quarzo molto compatta e massiccia, che si ritrova anche in cantina. L’alto contenuto minerale di questa roccia conferisce al vino complessità e longevità.

biodiversità.

rispetto del terreno.
assieme, non uno contro l’altro
agricoltura sostenibile.

Vicolo Sabbia “Talfergries”

Questo vigneto si trova nelle strette vicinanze del Heinrichshof, in uno dei tipici siti del Lagrein nel bacino del fiume Talvera. Le vecchie viti crescono su una tradizionale ed estensiva coltivazione a doppia pergola e sono lavorate quasi esclusivamente a mano. Si trovano su un fertile terreno alluvionale del Talvera che come fondale ha un profondo porfido di quarzo bolzanino. Questo vigneto è stato piantato nel 1939, quindi le viti hanno già oltre 80 anni. Questo luogo speciale con viti così antiche e radicate produce un vino di qualità incredibile.

vecchie viti.

viti di oltre 80 anni.
antiche e radicate.
bene culturale.

lavoro a mano.

tempo.
costi.
passione.